«Abbiamo completato la nuova squadra per il triennio 2019-2021 di Confapi Napoli. Ora ci attende un lavoro impegnativo, su più fronti, ma siamo tutti molto motivati».
Con queste parole Raffaele Marrone, presidente Confapi Napoli, annuncia la composizione della Giunta dell’associazione delle Pmi partenopee. Vicepresidenti Antonella Giglio e Francesco Cacciapuoti; segretario avv. Barbara De Luca; tesoriere ing. Paolo Cosenza.
«Le imprese sono i fili del tessuto produttivo, e quindi anche sociale, di una comunità – ha aggiunto Marrone –. Nell’area metropolitana di Napoli, le Pmi si trovano ad affrontare criticità di sistema e ambientali che, troppo spesso, purtroppo, ne pregiudicano le capacità di crescita e quindi di sviluppo».
«Migliorare le imprese significa migliorare il territorio – ha commentato Antonella Giglio – perché le Pmi ne sono parte integrante. Ringrazio il presidente Raffaele Marrone per avermi offerto la possibilità di operare in continuità rispetto ai progetti messi in campo nel recente passato». «In un momento di debolezza della politica, bisogna vedere nel mondo imprenditoriale un sicuro punto di riferimento rispetto a temi che incidono profondamente negli assetti organizzativi  di una comunità».
«Nell’ambito dei nuovi scenari economici e finanziari che si prospettano, il mio impegno è volto alla tutela delle realtà imprenditoriali attraverso il sostegno fattivo alla loro attività fornito con la formazione, la consulenza e un’ampia gamma di servizi finalizzati alla salvaguardia del benessere aziendale», ha sottolineato invece Francesco Cacciapuoti.
«Ho accettato con grande entusiasmo l’incarico e sono certa che insieme riusciremo ad orientare e influenzare le forze sane della nostra società, quelle che sanno rimboccarsi le maniche, cambiare direzione e dare speranza per il futuro», è il pensiero dell’avv. Barbara Del Duca. «Di questo e non altro abbiamo bisogno e la nostra società civile deve cominciare a gridarlo a gran forza. Fino a prova contraria il lavoro lo crea l’industria, in particolare la piccola e media industria privata che è, a tutt’oggi, la colonna portante del nostro sistema produttivo».
«I miei complimenti al presidente Marrone che in pochi giorni di lavoro ha già messo in piedi le basi per un mandato all’insegna dell’innovazione e della crescita – è il giudizio dell’ing. Paolo Cosenza –; i complimenti vanno anche agli altri autorevoli membri di giunta, il cui spessore ed alto profilo contribuiranno al raggiungimento degli obiettivi prefissati ed in particolare a rafforzare la mia posizione nella giunta di presidenza nazionale verso l’annosa questione dell’apertura della nostra regione al sistema della bilateralità della casse edile per la quale mi sono sempre battuto».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciassette − sette =