NAPOLI. «Non è edificante lo spettacolo a cui siamo costretti ad assistere. Le istituzioni che litigano fanno male a loro stesse e ai cittadini. Ogni stilettata che vola da una parte all’altra, tra il sindaco Luigi de Magistris e il governatore Vincenzo De Luca, è toccare sempre più il fondo». A dirlo Antonella Giglio, vice Presidente Confapi Napoli. «Se gli Enti si accapigliano, e lo fanno con tale Livello di violenza verbale che lascia  stupefatti, non viene solo compromessa la credibilità del protagonisti, ma dello stesso territorio.

Mi chiedo – conclude la vicepresidente Confapi Napoli – come si può essere credibili, da una parte all’altra quando ci si rivolge al mondo economico e delle imprese per venire a investire a Napoli e in Campania se  queste sono le premesse».

E l’Europarlamentare di Leu , Massimo Paolucci, è  netto: «Le parole del presidente De Luca nei riguardi del sindaco di Napoli solo gravi e inammissibili. “Sequestratelo e sputategli in faccia” sono le parole che istigano alla violenza ed è  inaccettabile che a pronunciarle sia, in pubblico o in privato sia un uomo delle istituzioni.  II linguaggio di De Luca è  ancora più pericoloso in una realtà in cui le tensioni sociali solo fortissime».

L’eurodeputato chiosa: «Ma davvero ci si illude di costruire un’alternativa al sindaco di Napoli con queste modalità.  Il Partito democratico non ha nulla da dire?».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque × tre =